Torrent lenti? Ecco una bella lista di trackers 2017

Sapevate che i trackers sono fondamentali per l’indicizzazione del torrent, e quindi, in secondo luogo, della velocità di download? Potrebbero addirittura essere determinanti se avete in download un file che non riuscite a scaricare a causa dei pochi peers o seeds, infatti se per un colpo di fortuna questo vostro file è stato indicizzato da uno dei tracker non sarà difficile vedere il file che inizia a scaricare.

Aggiungere i tracker
I tracker funzionano, ovviamente, con qualsiasi “client” (Bittorrent, uTorrent e via discorrendo) proprio perché sono indispensabili al torrent in sé. Tuttavia la procedura che consente di aggiungerli non risulta molto difficile perché fondamentalmente non varia da programma a programma.

  1. Innanzitutto bisogna individuare la finestra che ci consente di visualizzare i tracker del torrent (che di solito si trova in basso nei client come Bittorrent) a cui vogliamo aggiungerne altri. Posto che ogni .torrent già ha in sé alcuni tracker, vedremo questa lista essere popolata da diversi link.
  2. A questo punto facciamo click con il pulsante destro su uno di questi link e selezioniamo “Aggiungi tracker” (o “Add tracker” in caso di software in lingua inglese), come in figura

    Una schermata illustrativa tratta da "Bittorrent"

    Una schermata illustrativa tratta da “Bittorrent”

  3. Ora copiamo e incolliamo la lista che ho allegato qui in questo articolo nella casella di testo che ci apparirà a video avendo cura di non sovrascrivere i trackers preesistenti.

Lista tracker sempre aggiornata

Ho deciso di rimuovere la lista allegata con i tracker perché ho trovato un servizio molto più efficiente e interessante. Leggi l’articolo dedicato »

[AGGIORNAMENTI]

  • 11/07/2013 – Aggiunti 36 nuovi trackers
  • 24/02/2014 – Revisione file allegato
  • 18/08/2014 – Rimossi trackers non funzionanti e disposti in ordine alfabetico e introdotto nell’articolo il procedimento dettagliato per l’inserimento dei trackers.
  • 12/02/2015 – Aggiunti 5 tracker, rimossi non funzionanti. Creato archivio .zip
  • 03/05/2016 – Nuova lista trackers
  • 27/07/2017 – Aggiunto un nuovo servizio con tracker sempre funzionanti al 100%

 

Non sai cosa sono i torrent e come utilizzarli? Leggi questo articolo!

ID Alto con eMule e router Netgear

In questa guida voglio illustrarvi un modo con cui velocizzare di gran lunga i vostri download su eMule ottenendo il famigerato ID Alto. Innanzitutto come controlliamo il cosiddetto “ID”?  Basta aprire eMule » Server, nella barra in alto » e in basso a destra troveremo i dettagli della nostra connessione, come nella foto.

eMule - ID Alto

 

Voi avrete scritto ovviamente “ID Basso” e questo comporta una velocità minore con cui scalerete le code per i download, con la limitatezza di velocità molto rilevante.
Ora vedremo come configurare il nostro router NETGEAR (nel mio caso un DGN2200M) e attuare il cosiddetto “port-forwarding” (Inoltro delle porte) per eMule, con tutto ciò che questo comporta. Come sempre, Tuttodinternet non si assume nessuna responsabilità per un uso scorretto di questa guida (come da Disclaimer).

Le impostazioni del router e l’IP univoco
L’inoltro delle porte è, nel caso del router in questione, strettamente legato all’IP del nostro computer ovvero a un numero univoco che identifica il nostro pc nella rete locale (del tipo 192.168.0.xx). Quindi la prima cosa che faremo sarà associare il nostro pc sempre allo stesso numero IP perché ogni router è configurato per assegnare a ogni dispositivo che si collega un numero casuale.

  1. Quindi andiamo nelle impostazione del router all’indirizzo http://192.168.0.1
  2. Sul menù in blu sulla sinistra selezioniamo “Prenotazione Indirizzi
  3. Clicchiamo su “Aggiungi” sotto la tabella
  4. Troveremo una tabella come in figura dove dovremo mettere il check sul nostro pcprenotazione_indirizzi
  5. Possiamo ritrovare il nostro computer dal suo nome, se lo sappiamo, o dal suo indirizzo ip attuale. Se ti trovi in difficoltà e non sai riconoscerlo su Windows premi il tasto di windows + R » scrivi cmd » invio » scrivi ipconfig » invio » cerca Indirizzo IPv4
  6. Una volta selezionato clicchiamo su “Aggiungi” e teniamo a mente il nostro ip che per ora sarà 192.168.0.5

Inoltro delle porte
Ora possiamo passare ad aprire le porte.

  1. Sempre dalla pagina di configurazione http://192.168.0.1 ora scegliamo nel menu di sinistra “Inoltro/Attivazione delle porte
  2. Poi clicchiamo sul check “Inoltro delle porte” poi “Aggiungi servizio personalizzato
  3. Riempiamo il form. Nome: eMule; Tipo servizio: TCP/UDP; Porta Iniziale: quella che volete ma che non sia già utilizzata e.s. 50493; Porta Finale: 50494; Indirizzo IP: quello che abbiamo settato prima, quindi 192.168.0.5inoltro_porte
  4. Clicchiamo su “Applica

Settiamo eMule
Ora dobbiamo notificare ad eMule le modifiche che abbiamo scelto, quindi:

  1. Apriamo eMule poi “Opzioni” sulla barra in alto
  2. Selezioniamo “Connessione” nel menu a sinistra e inseriamo le nostre due porte a TCP (50493) e UDP (50494)
  3. Poi “Applica” e “OK

Ora il nostro eMule è configurato e se proviamo a connetterci a un server avremo senza dubbio un ID Alto